Tributo

Controlli accessibilità

Trentino Riscossioni. Clicca per saltare subito al contenuto

Combinazione colori

Dimensioni testo

Ricerca

RSS

RSS

COSAP - Canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche

  1. Introduzione
  2. Pagamenti
  3. Normativa
  4. Modulistica

Introduzione

L’articolo 28 della legge provinciale 29 dicembre 2005, n. 20 ha istituito il canone per l’occupazione di strade, di aree e dei relativi spazi sovrastanti e sottostanti appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile della Provincia Autonoma di Trento. A decorrere dal 1° gennaio 2008 è entrato in vigore il regolamento di esecuzione del predetto articolo, approvato con decreto del Presidente della Provincia n. 26-106/Leg. di data 21 novembre 2007. Il Regolamento disciplina il canone, stabilendo in particolare l’ambito di applicazione, le esenzioni, i soggetti tenuti al pagamento, i criteri di determinazione del canone stesso, l’ammontare della tariffa base e le modalità di pagamento. A decorrere dalla medesima data è cessata l’applicazione nel territorio della Provincia della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP), prevista dal capo II del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507.

 

torna su

Pagamenti

CHI DEVE PAGARE

Il canone è dovuto dal titolare della concessione o dell’autorizzazione all’occupazione degli spazi e delle aree di seguito indicati o dal soggetto che occupa abusivamente tali spazi ed aree. Sono soggette al canone le occupazioni, permanenti o temporanee, di strade, aree e relativi spazi soprastanti e sottostanti appartenenti al demanio stradale e al patrimonio indisponibile funzionale alla viabilità della Provincia. Sono soggette al canone anche le occupazioni di aree private gravate da servitù di pubblico passaggio. Il canone si applica altresì alle occupazioni, permanenti o temporanee, di strade, aree e relativi spazi sovrastanti e sottostanti appartenenti al demanio dello Stato - ramo strade, per le quali sono state delegate alla Provincia le funzioni in materia di viabilità, ai sensi dell'articolo 19 del decreto del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381 (Norme di attuazione dello statuto speciale per la regione Trentino - Alto Adige in materia di urbanistica ed opere pubbliche). Sono permanenti le occupazioni di carattere stabile, con o senza costruzione di manufatti o di impianti, aventi durata non inferiore ad un anno. Sono temporanee le occupazioni effettuate, anche con manufatti o impianti, di durata inferiore all’anno.

torna su

QUANDO E COME PAGARE

Per le occupazioni temporanee , il pagamento del canone continua ad effettuarsi a favore della Provincia Autonoma di Trento, contestualmente al rilascio dell’autorizzazione da parte del Servizio competente, secondo le modalità impartite dal medesimo Servizio .

Per le occupazioni permanenti il canone va versato annualmente a Trentino Riscossioni SpA, via Romagnosi, 11A – 38122 Trento, in unica soluzione, tramite bollettino bancario FRECCIA allegato all'avviso di pagamento. I bollettini riportano l’indicazione del versante, l’importo dovuto, la scadenza e il dettaglio delle concessioni.

torna su

QUANTO PAGARE

Determinazione del canone complessivo La misura complessiva del canone è determinata moltiplicando l'ammontare della tariffa base giornaliera o annua per il coefficiente di valutazione e per il numero dei metri quadrati o lineari corrispondenti all'entità dell'occupazione. Per le occupazioni temporanee l'importo giornaliero ottenuto, calcolato come sopra indicato, va moltiplicato per il numero dei giorni di occupazione. Per occupazioni di durata inferiore alle ventiquattro ore l'importo giornaliero ottenuto va ripartito in base alle ore di effettiva occupazione. Per le occupazioni di durata non inferiore a quindici giorni il canone è ridotto del 20 per cento. Per le occupazioni di durata non inferiore a trenta giorni il canone è ulteriormente ridotto del 50 per cento. Per le occupazioni permanenti il canone dovuto per la prima annualità è ridotto del 50 per cento in caso di autorizzazioni o concessioni rilasciate nel corso del secondo semestre. Per le occupazioni permanenti espresse in metri quadrati il canone è ridotto del 30 per cento per ogni metro quadrato eccedente i 50 metri quadrati e fino a 100 metri quadrati; è ridotto del 70 per cento per ogni metro quadrato eccedente i 100 metri quadrati e fino a 500 metri quadrati; è ridotto del 90 per cento per ogni metro quadrato eccedente i 500 metri quadrati.

Ammontare della tariffa base Per le occupazioni temporanee espresse in metri quadrati la tariffa giornaliera per metro quadrato è di: a) 2,0400 euro per la categoria I; b) 1,0200 euro per la categoria II. Per le occupazioni temporanee espresse in metri lineari la tariffa giornaliera per metro lineare è di: a) 0,0408 euro per la categoria I; b) 0,0204 euro per la categoria II. Per le occupazioni permanenti espresse in metri quadrati la tariffa annua per metro quadrato è di: a) 34,6800 euro per la categoria I; b) 17,3400 euro per la categoria II. Per le occupazioni permanenti espresse in metri lineari la tariffa annua per metro lineare è di: a) 0,3060 per la categoria I; b) 0,1530 per la categoria II. Le tariffe indicate sono aggiornate annualmente ai sensi dell'art. 7 comma 3 della l.p. 28/01/1991 n 2.

Coefficiente di valutazione In considerazione del valore economico della disponibilità dell’area nonché del sacrificio imposto alla collettività per la sottrazione del suolo pubblico, sono previsti i seguenti coefficienti moltiplicatori per specifiche attività esercitate dai titolari di concessione anche in relazione alle modalità di occupazione.

Tipologia di occupazione

Coefficiente di valutazione

OCCUPAZIONI PERMANENTI

 

Posa cavidotti, condutture in senso longitudinale alla strada su area non pavimentata (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

 1,9

diametro oltre 20cm
  3,1

Posa cavidotti, condutture in senso longitudinale alla strada su area pavimentata (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

 2,5

diametro oltre 20cm
  4

Posa cavidotti, condutture in senso longitudinale alla strada su opere d'arte (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

 3,7

diametro oltre 20cm
  6,2

Posa linee aeree e similari in senso longitudinale alla strada (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

3,2

Posa cavidotti, condutture in senso trasversale alla strada su area non pavimentata (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

14

diametro oltre 20cm
  23

Posa cavidotti, condutture in senso trasversale alla strada su area pavimentata (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

21

diametro oltre 20cm
  35

Posa cavidotti, condutture in senso trasversale alla strada su opere d'arte (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

diametro fino a 20cm

36

diametro oltre 20cm
  60

Posa linee aeree e similari in senso trasversale alla strada (solo occupazioni permanenti espresse in metri lineari)

10

Occupazioni per impianti ripetitori di telefonia cellulare in galleria, compresa se disponibile corrente elettrica fino a 3 kw (solo occupazioni permanenti espresse in metri quadrati)

10

Occupazioni (compresi i parcheggi) per attività aventi natura commerciale, industriale, artigianale (solo occupazioni permanenti espresse in metri quadrati)

0,45

Occupazioni (compresi i parcheggi) connesse all'uso di civile abitazione (solo occupazioni permanenti espresse in metri quadrati)

0,3

Occupazioni per scopi agricoli (solo occupazioni permanenti espresse in metri quadrati)

0,05

Altre occupazioni (solo occupazioni permanenti espresse in metri quadrati)

0,1

OCCUPAZIONI TEMPORANEE

 

Occupazioni realizzate con chioschi o tavolini da venditori ambulanti, pubblici esercizi e produttori agricoli che vendono direttamente i loro prodotti (solo occupazioni temporanee espresse in metri quadrati)

0,5

Occupazioni per impalcature, ponteggi e cantieri per l'attività edilizia e cantieri stradali (solo occupazioni temporanee espresse in metri quadrati)

0,4

Installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo (solo occupazioni temporanee espresse in metri quadrati)

0,3

Manifestazioni politiche, culturali o sportive (solo occupazioni temporanee espresse in metri quadrati)

0,1

Altre occupazioni temporanee di suolo pubblico

0,5

torna su

AZIENDE EROGATRICI DI PUBBLICI SERVIZI

Particolari modalità di calcolo e corresponsione della tassa sono previste per le occupazioni permanenti di strade, aree e relativi spazi soprastanti e sottostanti appartenenti al demanio stradale e patrimonio indisponibile funzionale alla viabilità della Provincia da parte di aziende erogatrici di pubblici servizi e per quelle esercenti attività strumentali ai servizi medesimi.

  • Determinazione del canone – Il canone è commisurato al numero complessivo delle utenze presenti nei comuni compresi nel territorio provinciale risultante al 31 dicembre dell’anno precedente, applicando, per l'anno 2017, la seguente misura unitaria riferita alle sotto indicate classi di comuni: a) fino a 20.000 abitanti, euro 0,202568 b) oltre i 20.000 abitanti, euro 0,168891
  • Comunicazione del numero utenze – Le aziende erogatrici di pubblici servizi devono comunicare, entro il 30 aprile di ogni anno, il numero delle utenze riferite al 31 dicembre dell’anno precedente, a: Trentino Riscossioni Spa Via Romagnosi, 11A 38122 Trento
  • Modalità e termini di pagamento - Il pagamento del canone deve essere effettuato contestualmente alla presentazione della comunicazione del numero delle utenze, entro il 30 aprile di ogni anno, con le seguenti modalità: tramite versamento sul conto corrente postale n. 84671502 intestato a TRENTINO RISCOSSIONI SPA oppure tramite bonifico bancario a favore del conto intestato a TRENTINO RISCOSSIONI SPA c/o Unicredit Spa codice IBAN: IT/27/U/02008/11758/000030088602

 

torna su

Normativa

  • Capo II, artt. 38-57, D. Lgs. n. 507/1993
  • Art. 63, D. Lgs. n. 446/1997

torna su